<data:blog.pageTitle/>

This Page

has moved to a new address:

http://15zen.net

Sorry for the inconvenience…

Redirection provided by Blogger to WordPress Migration Service
Vivi Zen: Accetta le Critiche....e Ringrazia

lunedì 2 agosto 2010

 

Accetta le Critiche....e Ringrazia

Come reagiamo di fronte ad una critica?

Credo che la reazione più frequente sia quella di porsi sulla difensiva o, ancora più spesso, di contrattaccare in modo impulsivo.

Sono queste le reazioni migliori? Le più efficaci?

E’ vero, le critiche possono far male e demoralizzare, ma questa non è l’unica prospettiva possibile da cui analizzare la questione.

Anche i rimproveri hanno il loro risvolto positivo, possono rappresentare delle opportunità proficue, ottime occasioni per migliorarci. Ecco allora alcuni consigli.

Cerca di non reagire in modo impulsivo.

Se la tua prima reazione istintiva è quella di attaccare chi ti critica, o se comunque ti poni subito sulla difensiva, prova ad attendere un minuto prima di reagire. Ti hanno mosso un appunto? Bene, aspetta 60 secondi, fai un bel respiro e intanto pensaci un pò su.

Molti si arrabbiano quando sono criticati. Tu prova a non reagire subito. Hai ricevuto una mail in cui vieni rimproverato? Lasciala nell’inbox e fai trascorrere almeno un'ora prima di rispondere. O se a biasimarti è qualcuno vicino a te e la critica ti fa arrabbiare, prova ad allontanarti un attimo piuttosto che rispondere in modo maleducato e dispiacerti poi per quanto detto.

L’approccio migliore ad una critica è quindi innanzitutto quella di farla "raffreddare" per darci tempo di ragionarci sopra a mente serena, oltre l’impulso immediato. Ciò consente alla logica di venirci in aiuto, di superare l’emozione negativa e rispondere in modo appropriato quando siamo più calmi.

Trova il lato positivo della critica.

Ogni critica reca con sé due perle da cogliere: un feedback onesto ed un suggerimento per migliorare. Chi altri può darci un riscontro sincero se non chi ci critica con onestà? A volte chi ci rimprovera è solo nervoso e vuole farci arrabbiare, ma la maggior parte delle volte c’è almeno un granello di verità negli appunti che ci vengono mossi. Considerala un’occasione per migliorare.

Ringrazia chi ti critica.

Anche se qualcuno ti critica in modo brusco e rude, tu ringrazialo. Magari ha avuto solo una giornata storta o forse a ragione lui a criticarti? In ogni caso ringrazialo. Chi ti critica non si aspetta di essere ringraziato ma spesso è in grado di apprezzarlo. Forse penserà che tu lo stia prendendo in giro, ma tu ringrazialo lo stesso, è il modo migliore per ricordare a te stesso che quella critica ha qualcosa di positivo per te.

Impara dalle critiche.

OK, non hai reagito d’impulso, hai visto il lato positivo, hai ringraziato chi ti ha criticato, e ora? Torni semplicemente ai tuoi affari? No, ora hai anche la possibilità di migliorare. Per alcune persone questo non è un concetto semplice perché per un motivo o per un altro sono portate a pensare che quanto fanno sia per definizione sempre corretto. Ma ovviamente nessuno ha sempre ragione. Magari sei tu ad aver sbagliato e la critica è fondata. Allora cerca di vedere se c’è qualcosa che puoi cambiare per migliorare. E poi metti in pratica quell’opportunità di cambiamento. Punta a migliorarti.

Cerca di essere migliore dell’altro.

Troppe volte concepiamo le critiche come un attacco personale, un insulto alla nostra persona. Ma non è così. O meglio, a volte è così, ma non è in questo modo che bisognerebbe prendere una critica. Considerala come una critica alle tue azioni, non alla tua persona. Mettendola così, ti sarà più facile distaccarti emozionalmente dalla critica e valutare come comportarti.

Considerare una critica o un rimprovero come un attacco personale e rispondere con un contrattacco reca con sé ben pochi benefici. Ti pone semplicemente sullo stesso livello (basso) di chi ti ha attaccato. Anche se chi ti critica lo fa in modo aggressivo e rude, e magari davanti ad altre persone, non c’è bisogno di reagire allo stesso modo. Non hai bisogno di commettere gli stessi errori.

Sii tu la persona vincente.

Se riesci a sollevarti dai bassi insulti e rispondere in modo calmo e positivo alla critica, sarai tu la persona vincente. E ciò avrà due conseguenze postive:
1. Saranno tutti concordi nel ritenere che tu abbia agito in modo migliore ponendoti al di sopra delle critiche, cogliendone al contempo il lato positivo.
2. Ti sentirai meglio. Rispondendo agli insulti con un attacco, ci sporchiamo, ci infanghiamo anche noi. Ma se riusciamo a stare al di sopra di quel livello, ci sentiamo bene e questo è il risultato più importante.

Come riuscirci? Distaccandoti dalla critica e analizzando solamente le azioni che vengono criticate. Cogliendo il lato positivo della critica e impegnandoti a migliorare, ringraziando chi ti ha criticato. In fondo ti ha dato un’occasione!

Etichette: , ,






<< Home page

This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]