<data:blog.pageTitle/>

This Page

has moved to a new address:

http://15zen.net

Sorry for the inconvenience…

Redirection provided by Blogger to WordPress Migration Service
Vivi Zen: 07/01/2009 - 08/01/2009

lunedì 27 luglio 2009

 

Rallenta... E Goditi La Vita

Solitamente non amo leggere quelle mail inoltrate da amici che provengono da una serie infinita di messaggi precedenti (avete presente le famose catene, no?). Una volta ne ho però ricevuta una che ha attirato la mia attenzione. Era scritta da un tale che lavora alla Volvo, in Svezia, il quale nel messaggio evidenziava una tra le peculiarità, a suo giudizio, tipiche degli svedesi, ovvero la 'filosofia della lentezza'.

Nella mail si cita questa storia:

La prima volta che ho trascorso un breve periodo in Svezia, un collega veniva generalmente a prendermi in albergo al mattino per andare insieme a lavoro. Era settembre, faceva un pochino freddo. Arrivavamo la mattina presto in azienda e lui parcheggiava piuttosto lontano dall'ingresso, sebbene l'ampio parcheggio a quell'ora fosse pressoché vuoto e ci fossero numerosi posti auto liberi nei pressi dell'entrata. Il primo giorno non gli dissi nulla, e così il giorno successivo e quello seguente. Finché una mattina mi decisi a chiedergli: 'Ma qui in azienda ogni dipendente ha un posto auto assegnato? Ho notato che tu parcheggi l'auto lontano dall'ingresso anche quando ci sono posti liberi più avanti'. Al che lui mi ha guardato e mi ha risposto, 'visto che arriviamo presto abbiamo tempo per camminare, e coloro che arrivano tardi avranno bisogno di un posto più vicino all'ingresso, Non credi?'. Immaginate la mia faccia.

La mail prosegue citando il movimento Slow Food, a fondamento del quale risiede l'idea che "dovremmo tutti mangiare e bere lentamente, concedendoci tutto il tempo necessario per gustare il sapore di ciò che si assaggia e trascorrere del tempo in relax con la famiglia e gli amici, senza fretta".

Questa idea si traduce nel riconoscimento del meraviglioso ruolo della semplicità, della gioia di vivere in modo frugale. Non si tratta solamente di ridurre gli impegni o risparmiare denaro... si tratta di rallentare il passo della nostra vita per apprezzarla in tutta la sua intensità, assaporandone in pieno i piccoli piaceri, accantonando un poco la cultura materialistica a cui siamo abituati per abbracciare invece una visione più "umana". Si tratta di modificare i nostri valori e le nostre priorità.

Questa filosofia della lentezza non si traduce nell'oziare o nell'essere meno produttivi. La filosofia della lentezza significa agire e compiere qualsiasi azione con maggiore qualità e attenzione al dettaglio, senza stress e con minore rilievo al tempo impiegato. Significa ristabilire e riaffermare i valori familiari, i legami con gli amici e il piacere del tempo libero. Significa dedicarsi a ciò che abbiamo in questo momento preciso, rifuggere l'indefinito e l'anonimo per riabbracciare i valori umani e la semplicità di vivere. Significa abbracciare il concetto di "qualità di essere" piuttosto che "avere in quantità".

Molti di noi vivono correndo dietro al tempo, alcuni sono così in ansia per il futuro che dimenticano di vivere il presente, che invece è l'unico tempo che realmente esiste. Tutti noi abbiamo a disposione la stessa quantità di tempo. Nessuno ne ha di meno o di più. La differenza sta nell'utilizzo che ciascuno di noi ne fa.

leggi anche:
Le 10 Regole Fondamentali per Rallentare e Vivere la Tua Vita al Meglio
6 Secondi per Rilassarti
Respira.-

Se vuoi scrivermi: vivizen[at]vivizen.com

Etichette: ,


lunedì 13 luglio 2009

 

Come Dare il Massimo sul Lavoro

Molti di noi trascorrono gran parte della propria giornata all’interno di un ufficio, a stretto contatto con colleghi, superiori, clienti e fornitori. Dimensioni e caratteristiche del luogo di lavoro variano a seconda del contesto in cui si opera, tuttavia in ogni ambiente lavorativo sono riscontrabili delle tematiche comuni che rendono l’ufficio un piccolo universo a sé stante, con le proprie regole e le proprie dinamiche.

I rapporti con i colleghi, ad esempio, o con il proprio superiore, così come l’atteggiamento rispetto alle attività quotidiane in ufficio, rappresentano infatti degli aspetti ricorrenti in ogni contesto lavorativo e come tali forniscono interessanti e stimolanti spunti di riflessione.

Come possiamo, in particolare, realizzare la nostra crescita personale all’interno di un ambiente di lavoro in cui spesso siamo vincolati e trattenuti da rigide procedure e protocolli? Come possiamo aiutare i nostri colleghi a crescere e realizzarsi? Come è possibile, in ultimo, sviluppare pienamente la nostra individualità, esprimere la nostra energia positiva e al tempo stesso rendere al meglio sul lavoro?

Di seguito vi propongo alcuni consigli, incentrati principalmente sull’aspetto relazionale e sociale, volti a individuare le vie più efficaci per realizzare al meglio la nostra crescita personale anche sul luogo di lavoro.

Costruisci relazioni positive con tutti i tuoi colleghi

L’aspetto umano e relazionale è sempre il più importante per la nostra crescita, indipendentemente dal contesto in cui ci troviamo. Anche sul lavoro, non potrai che trarre benefici dal costruire una relazione positiva e di fiducia con i tuoi colleghi, dai dirigenti più alti in grado fino all’addetto alle pulizie che svuota il cestino sotto la tua scrivania. A tutti loro offri il tuo sorriso, salutali sentitamente con un caloroso buongiorno, chiedi loro sinceramente come stanno e donagli la tua gentilezza.

Sii amichevole con tutti. Non si tratta di sterile buonismo o di arrivismo sociale, tutt’altro: si tratta semplicemente di esprimere la tua personalità e di realizzarti come individuo aperto e pronto a relazionarti con il prossimo, consapevole dell’intima connessione che lega profondamente ognuno di noi all’altro. Sii te stesso quando ti rapporti ai tuoi colleghi, non indossare alcuna maschera, apriti e mostrati per quello che sei, ciò indurrà i tuoi colleghi a fare lo stesso e rendere più vivo, autentico e umano il vostro luogo di lavoro.

Non solo, riuscendo a costruire delle relazioni positive, la produttività e il rendimento sul lavoro sia tuo che dei tuoi colleghi ne beneficeranno immensamente: aumenterà in modo significativo la disponibilità e l’apertura verso i colleghi, i processi lavorativi risulteranno più fluidi , lo scambio di idee sarà incentivato e il senso di compattezza e unità dei gruppi di lavoro ne uscirà rafforzato.

Minimizza i commenti negativi dei colleghi

Ciascun ambiente di lavoro, inevitabilmente, fornisce infinite occasioni per dare sfogo alla negatività, si tratti di pettegolezzi, commenti sarcastici o malignità gratuite. Come comportarsi in tal caso? Semplicemente limitati ad ascoltare, se vuoi, ma non cedere alla tentazione di entrare nel circolo vizioso dei commenti negativi: non sarebbe di aiuto né a te né al prossimo, contribuirebbe anzi a fomentare e diffondere energie negative sul luogo di lavoro.

In particolare, quando i tuoi superiori ti chiedono di esprimere un commento su altri colleghi, non indugiare sui loro difetti, ma preoccupati di metterne in risalto pregi e qualità. Fai in modo che qualsivoglia critica sia costruttiva e improntata alla crescita individuale e sincerati di parlarne direttamente con la persona interessata, mantenendo un approccio positivo e ottimista. La negatività sul luogo di lavoro può nel lungo termine incidere seriamente sulle motivazioni e sull’ottimismo di ogni collega, per cui non lesinare la tua positività!

Non approfittarti dei colleghi

Il collega è un alleato, un compagno di viaggio, non un nemico con il quale sgomitare quotidianamente pur di ottenere prestigio e successo.

Dai ai tuoi colleghi i giusti riconoscimenti, valorizza il loro operato, ringraziali ogni qualvolta si danno da fare per aiutarti. Dal canto tuo, mettiti a loro disposizione, ascoltali quando ti rivolgono una richiesta e non minimizzare le loro ansie e i loro timori. Cerca di costruire con il prossimo un rapporto di fiducia che si basi sull’apertura e sulla solidarietà reciproca. Un ambiente di lavoro in cui l’operato e la personalità di ciascun membro riceve il giusto riconoscimento dai colleghi mantiene elevate le motivazioni e la produttività dell’intero gruppo.

Impara da coloro che svolgono bene il proprio lavoro

Nella maggior parte dei luoghi di lavoro, le persone più abili e capaci sono facilmente individuabili. Si caratterizzano per la loro disponibilità, la loro passione e il profondo attaccamento ai colleghi e all’azienda. Cerca di imparare quanto più possibile da queste persone, chiedi loro consigli e suggerimenti sia con riferimento al lavoro quotidiano che al tuo percorso di carriera. Ciò ti consentirà di acquisire una visione più ampia del tuo contesto lavorativo e ti aprirà un ventaglio di opportunità decisamente più ampio.

Esegui al meglio ogni compito che ti viene assegnato

Fai in modo che ciascuna attività a cui ti dedichi sul lavoro, anche quella apparentemente più insignificante, riceva la tua completa attenzione. Ogni progetto o compito che ti viene assegnato verrà eseguito al meglio solamente se vi dedicherai tutta la tua passione e la tua concentrazione.

Se sei tentato di eseguire un compito solamente per portarlo a termine il più rapidamente possibile, senza badare alla qualità del lavoro, cerca di non cadere nella trappola. Dedica a ciascun progetto o attività tutto il tempo necessario, elimina le possibili distrazioni e dai il meglio di te stesso, privilegiando l’aspetto qualitativo alla rapidità nell’esecuzione. Un compito svolto con superficialità e scarsa attenzione spesso necessita di essere rieseguito daccapo, con la conseguenza di rallentare i processi di lavoro, ridurre la produttività e demotivare te stesso e i tuoi colleghi.

Di fronte a ogni singola attività, dunque, cerca di esprimere sempre la tua passione, la tua vitalità e il tuo desiderio di crescita e miglioramento personale.

Se hai dei periodi di minor lavoro, approfittane

In alcuni periodi, fisiologicamente, i compiti e le attività a cui dedicarci sul lavoro si riducono per i motivi più disparati, come le vacanze estive, la conclusione di un importante progetto o l’attesa di nuovi clienti.

Non lasciare che il minor carico di lavoro si traduca in tempo sprecato. Approfittane per dedicarti a progetti che avevi accantonato, per individuare delle opportunità di miglioramento nei processi esistenti o per perfezionare la tua preparazione. Metti in ordine la tua scrivania o i tuoi archivi, dedicati allo studio di una nuova lingua o all’analisi dei risultati raggiunti nelle settimane precedenti. Ottimizza il tuo tempo, non sprecarlo per annoiarti e aspettare con impazienza che giunga l’ora di uscire dall’ufficio.

Ammetti i tuoi errori

Se combini qualche pasticcio (e inevitabilmente lo farai), ammetti tranquillamente l’errore e impegnati a fondo per rimediare allo sbaglio commesso. Non cercare di nasconderlo o di minimizzarlo. Non tentare di attribuire ad altri colleghi la responsabilità di errori che hai commesso tu. Scusati apertamente e chiaramente. Tutti compiono degli errori. Le persone di successo sono coloro che non hanno timore di sbagliare, che si fanno carico delle proprie responsabilità e che infondono tutto il proprio impegno per rimediare nel modo migliore agli errori commessi.

Quando vuoi un incremento dello stipendio o una promozione, chiedilo apertamente

Niente sotterfugi o frasi pronunciate a mezza bocca. Sii sincero ed onesto. Se aspiri ad ottenere un incremento del tuo stipendio o una promozione, sii chiaro al riguardo. Manifesta apertamente la tua volontà al tuo superiore, rendigli chiaro ciò a cui stai aspirando. Sii pronto a sostenere le tue richieste con valide argomentazioni in grado di supportare i tuoi obiettivi. Se ricevi un “no”, allora chiedi al tuo capo cosa devi fare per poter ottenere l’aumento o la promozione e attieniti alle sue indicazioni. Se non difendi i tuoi obiettivi, non lo farà nessun altro. Assumiti la responsabilità del tuo percorso di carriera.

Affronta le sfide

Quando si presenta una situazione sfidante o tale da suscitarti timore e tensione, non rifuggirla. Affrontala apertamente, fronteggia le tue paure. Riconosci nella sfida una straordinaria opportunità di crescita, mettiti in condizione di dare il meglio di te stesso, cerca di individuare con attenzione la strategia e le soluzioni più appropriate alla circostanza.

Il coraggio di affrontare le situazioni maggiormente sfidanti accrescerà le tue motivazioni e il tuo senso di responsabilità, aumenterà la tua capacità di ergere a leader quando necessario e la tua abilità di fronteggiare le circostanze più avverse. Ti aiuterà a crescere, anche sul luogo di lavoro.

Etichette: ,


This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]