<data:blog.pageTitle/>

This Page

has moved to a new address:

http://15zen.net

Sorry for the inconvenience…

Redirection provided by Blogger to WordPress Migration Service
Vivi Zen: 05/01/2013 - 06/01/2013

giovedì 9 maggio 2013

 

Liberi dall'Ansia



"Dimentica ogni moralità, dimentica ogni giudizio. Nulla è buono, nulla è cattivo. Tutto è ciò che è. Rilassati. All'improvviso, un giorno, il presente sorge in tutto il suo profondo splendore. Allora non ci sono più nuvole, né pensieri, né desideri. Ed essere nel presente vuol dire attraversare la porta dell'esistenza" - Osho

Riflettiamoci un momento. Cos'è che effettivamente, in concreto, ci rende ansiosi, ci causa stress e ci impedisce di vivere in modo sereno gran parte delle nostre giornate?

Per quanto mi riguarda la risposta è semplice: la preoccupazione.

Ci preoccupa l'idea di non essere all'altezza, di poter deludere gli altri, di sbagliare e di non riuscire ad ottenere ciò che desideriamo.

Pensiamoci bene: tutto ciò che condiziona in modo così pregnante e in termini così' negativi le nostre giornate, ovvero ansia, angoscia e stress, non è ricondubile ad una ATTUALE e PRESENTE fonte di infelicità e insoddisfazione.

Ciò che ci causa stress, ansia e angoscia è la PROIEZIONE delle nostre preoccupazioni e del timore che quelle fonti di infelicità e insoddisfazione si possano concretizzare.

Ci angoscia una possibilità eventuale, non la condizione presente e concreta. Abbiamo paura di sbagliare qualcosa che faremo stasera o domani o fra una settimana, ma quella paura ci attanaglia oggi, ci angoscia oggi, ci impedisce di vivere in piena serenità l'unico momento che conta davvero, ovvero il momento presente, il qui e ora.

E l'aspetto piu' bizzarro e paradossale di tutto questo è che molto spesso le nostre paure non si concretizzano, ciò che ci preoccupava non diviene affatto realtà, i timori che ci attanagliavano si rivelano infondati.

Con la conseguenza, ancora più bizzarra e paradossale, che ci ritroviamo ad aver trascorso lunghe ore e giornate intere in uno stato di angoscia e preoccupazione legato a paure che si sono poi rivelate vane proprio perchè inerenti a fatti e situazioni che non si sono verificati.

E il gioco continua in questo modo, perchè siamo bravissimi a questo punto a individuare nuovi motivi di ansia, angoscia e preoccupazione per qualcosa che presto o tardi, forse, potrebbe verificarsi.

Ci infiliamo in una spirale negativa, in un circolo vizioso da cui è poi arduo riuscire ad emergere.

Gran parte della nostra infelicità, insomma, è legata alla preoccupazione, non ad un'effettiva e attuale causa concreta di dolore.

Cosa significa tutto questo? Che così facendo, innanzitutto, stiamo mancando il presente, ci stiamo dimenticando di vivere il qui e ora.

Stiamo mancando la straordinaria e irripetibile opportunità di godere pienamente delle meraviglie del momento presente. Ci stiamo lasciando sfuggire il piacere di assaporare fino in fondo le delizie di questo istante.

Continua a leggere...

Etichette: , ,


This page is powered by Blogger. Isn't yours?

Iscriviti a Post [Atom]